IGS-icone

Scrivere la tesi di laurea

Scrivere una tesi di laurea

Scrivere una tesi di laurea

Siamo quasi alla fine del nostro percorso di studi, ci mancano pochi esami, e vorremmo iniziare a scrivere la nostra tesi di laurea. Ma come fare? Da dove partire? In questo articolo vi daremo alcuni suggerimenti, e vi seguiremo, passo per passo, in questo percorso, che vi porterà a diventare dottore o dottoressa.
Procediamo, quindi per gradi.

Scegliere il relatore
La scelta del relatore della tesi non è semplice. Vi consigliamo di scegliere un professore, con il quale abbiate svolto qualche esame, ma soprattutto che insegni una materia che a voi piaccia. Perché è importante svolgere questo lavoro con grande passione. Vi dobbiamo comunicare che, a volte, i relatori possono essere tutti impegnati con altri tesisti, in questo caso, la facoltà o il corso di laurea potrebbe assegnarvi un relatore d’ufficio, ribadiamo che è un’ipotesi remota, ma è giusto sapere che ci potrebbe essere questa probabilità.
Una volta che avete deciso quale sarà il relatore della vostra tesi, non vi resta che fissare un appuntamento con lui, durante l’orario di ricevimento, così gli potrete chiedere se vi accetterà come tesisti. Se lui vi dirà di si, molto probabilmente vi darà sicuramente l’argomento sul quale svolgere la vostra tesi.

Modulo di assegnazione tesi
Al prossimo appuntamento, poi, dovete far firmare al professore il modulo di assegnazione tesi. Questo modulo sarà disponibile presso gli uffici di segreteria del corso di laurea o scaricabile dalla modulistica online. Sul modulo occorre indicare il numero di crediti conseguiti, il relatore e l’argomento della teso e va consegnato in segreteria, dopo che è stato firmato dal vostro docente.

Bibliografia
Una volta che sapete quale sia l’argomento della tesi, occorre andare alla ricerca della bibliografia, ovvero dovete trovare i libri che abbiano già trattato di quell’argomento. Il vostro relatore, sicuramente, vi indicherà parte della bibliografia, o comunque vi darà delle indicazioni. Una volta che avete scelto i testi da studiare, dovete presentare l’elenco al docente e sarà lui a confermare se questi testi vanno bene o meno.
La prima parte della vostra tesi verterà sullo studio di questi testi, dovete leggere tutti i libri presenti nella bibliografia, prima di iniziare a scrivere.

Stesura della tesi
Una volta che avete studiato tutta la bibliografia, dovete iniziare a scrivere. La prima cosa da fare è l’indice, nel quale saranno indicati tutti i vari capitoli in cui vorrete suddividere il vostro lavoro, compresi l’introduzione e la conclusione.
L’importante è mostrare al professore, man mano che scrivete, ogni capitolo ed attendere le sue correzioni, prima di iniziare a scriverne un altro. La tesi deve essere un lavoro di sinergia, ma soprattutto deve essere qualcosa di completo e ben strutturato. Il vostro relatore vi darà sicuramente delle indicazioni, su come preferisce che svolgiate questo lavoro, ricordatevi, comunque, di usare un linguaggio scorrevole e di correggere, sempre, il capitolo, prima di consegnarlo, il lavoro deve essere fatto con minuziosità.

Domanda di fine corso
Quando avrete deciso, con il nostro professore, quale sarà la sessione di laurea, durante la quale intendiate laurearvi, dovete inoltrare, alla segreteria generale, la domanda di fine corso. Generalmente, questa domanda si può fare, anche se mancano uno o due esami, ed essi verranno sostenuti in tempo utile, per conseguire la laurea in quella sessione. La domanda di fine corso, può essere compilata online, sul sito delle segreterie, e va correlata con diversi documenti, che variano da ateneo ad ateneo, e che verranno indicati sempre al momento della domanda. Generalmente la richiesta di fine corso può essere formulata un mese prima della laurea, i tempi, poi, possono variare, ma in linea generale sono questi. In segreteria, poi, dovete consegnare una copia della tesi, già rilegata e una copia del CD.

Seduta di laurea
Completato l’iter, usciranno in segreteria o su internet, gli elenchi con i nominativi e i giorni della seduta di laurea. Ora, futuri dottori, non ci resta che darvi un grande in bocca al lupo.

Gli autori più originali non lo sono perché promuovono ciò che è nuovo, ma perché mettono ciò che hanno da dire in un modo tale che sembri che non sia mai stato detto prima.” (Johann Wolfgang von Goethe)